23 ottobre 2019  |  a cura di Industriale Viessmann  |  condividi con

Come si installa una caldaia a biomassa

23 ottobre 2019
Biomassa

Spazi adeguati, accessibilità al sito, personale qualificato e organizzazione dei lavori: ecco cosa serve per installare correttamente un generatore a biomassa di taglia medio-grande.

L’installazione di una caldaia a biomassa di taglia industriale è un’operazione complessa che prevede alcune importanti condizioni.

La prima è relativa alle caratteristiche del sito dove l’impianto deve essere ubicato.
È difficile dare indicazioni valide a livello generale sullo spazio necessario (c’è una sostanziale variazione in funzione della potenza), anche se si tratta generalmente di ampi volumi.
Solo per fare un esempio, il deposito per il combustibile legnoso, per una caldaia da 1 MW di potenza, può occupare un locale lungo dieci metri, largo sei e alto quattro.
Una condizione generale che deve essere sempre valutata è l’accessibilità al sito, perché questi impianti hanno bisogno di spazi adeguati alla posa e alla movimentazione del combustibile legnoso.

“Si tratta di caldaie che non si trasportano manualmente e il deposito del combustibile deve essere sempre raggiungibile dai mezzi, per cui l’accesso stradale è una condizione fondamentale”, spiega Francesco Tosi di Viessmann.

Generalmente, ovunque è possibile, le grandi caldaie a biomassa vengono installate in locali interrati, facilitando l’approvvigionamento del cippato che può così essere scaricato dai camion nel deposito per gravità.
La viabilità stradale deve quindi essere agevole, poi vanno valutati gli spazi di cui necessitano fisicamente la caldaia e il deposito. Infine, i locali stessi devono essere facilmente accessibili, sia per il montaggio sia per le manutenzioni successive.

“A volte non è stato previsto un accesso adeguato ai locali, e può capitare di trovarsi a lavorare su impianti vecchi dove non si possono più estrarre generatori o componenti di impianto, se non smontandoli a pezzi”, commenta Tosi.

installazione caldaia a biomassa

Esempio di centrale a biomassa interrata con sistema di estrazione a rastrelli

È possibile realizzare un impianto a biomassa anche fuori terra, ma servono alcune precauzioni progettuali, non potendo più sfruttare l’effetto gravità per il caricamento del combustibile.
Inoltre, l’azienda deve possedere gli idonei mezzi meccanici per la movimentazione del cippato all’interno de deposito. Per questi motivi, questa soluzione è indicata generalmente per le aziende agricole.
euro-hand-200px

Le fasi dell’installazione e collaudo di una caldaia a biomassa

Dal punto di vista operativo, l’installazione di una caldaia a biomassa richiede almeno tre o quattro settimane di tempo.

Queste sono le fasi principali:

  • assemblaggio della camera di combustione e della caldaia e inserimento del generatore nella posizione prevista dal progetto;
  • una volta posizionato il generatore, si procede con il montaggio delle componenti per l’estrazione del combustibile (rastrelli o rotativa);
  • realizzazione delle opere murarie, che consistono nel rivestimento interno della camera di combustione con mattoni refrattari di diverse tipologie resistenti alle alte temperature (un’operazione che per potenze medio-grandi va fatta in loco);
  • installazione di eventuali sistemi di filtraggio fumi aggiuntivi, come i filtri multiciclonici o elettrostatici;
  • collegamento dei tubi fumo dal generatore al filtro e al camino; collegamento dei ventilatori e degli altri accessori come le componenti sensoristiche, i dispositivi di estrazione cenere, eccetera;
  • una volta completata l’installazione si procede con il collaudo che dura circa due settimane. Prevede, infatti, una prima settimana per il collaudo “a freddo” dove viene verificata la corretta esecuzione dei lavori idraulici ed elettrici e viene apportata tensione al quadro elettrico; in seguito si carica il combustibile, si accende la fiamma e si comincia a riscaldare il generatore. Questa seconda fase, che dura un’altra settimana, è necessaria per asciugare il materiale refrattario. Dopodiché è possibile “portare in potenza” il generatore.
    Per saperne di più leggi: GUIDA AGLI IMPIANTI A BIOMASSA 

E' stato interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nuovi articoli