15 gennaio 2019  |  a cura di Marco Rossi  |  condividi con

Obbligo dell’Energy Manager in azienda: cosa sapere

15 gennaio 2019
Altro

Alcune organizzazioni hanno l’obbligo di nominare ogni anno un energy manager, cioè un tecnico responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia, che si occupi della sua gestione con il sostanziale obiettivo di aumentare la consapevolezza di come l’energia viene utilizzata e quindi andare ad individuare le aree di miglioramento.

Quali sono i soggetti obbligati alla nomina?

    • I soggetti operanti nel settore industriale che nell’anno precedente hanno avuto un consumo di energia superiore a 10.000 tonnellate equivalenti di petrolio;
    • i soggetti operanti nei settori civile, terziario e dei trasporti che nell’anno precedente hanno avuto un consumo di energia superiore a 1.000 tonnellate equivalenti di petrolio

Tutti gli “energivori” sono obbligati alla nomina dell’energy manager?

Relativamente all’obbligo di nomina dell’energy manager (Legge 10/91 e successive circolari), per dare un’idea di quanto sia elevata “l’asticella” è da considerare che 10.000 tep/anno [settore industriale] (nell’hp di considerare un consumo totalmente allocato sul vettore energia elettrica) corrispondono a più di 53 GWh/anno per un controvalore economico in bolletta di più di 7 M€/anno.

Non tutte le aziende (anzi solo una piccola parte) che godono dei benefici relativi alla riduzione degli oneri generali di sistema, è soggetta all’obbligo di nomina dell’energy manager. E’ infatti da considerare che da gennaio 2018 la soglia di consumi per essere iscritti agli elenchi energivori è di 1 GWh/anno, un valore di molto inferiore alla soglia di obbligo relativo alla nomina dell’energy manager.

Soglia consumi aziende energivore

*N.B.: La soglia di consumo di 1 GWhel/anno non è l’unico requisito per poter essere iscritti gli elenchi energivori!

Le organizzazioni obbligate alla nomina sono tenute a comunicare ogni anno entro il 30 aprile il nominativo dell’energy manager nominato, che può essere una persona interna all’azienda oppure un consulente tecnico esterno, caso frequente soprattutto nelle realtà più piccole.

Gli elenchi degli energy manager nominati sono gestiti dalla Fire, la Federazione Italiana per l’Uso Razionale dell’Energia, su incarico del ministero per lo Sviluppo Economico.
La nomina formale dell’Energy Manager avviene tramite la piattaforma web NEMO predisposta dalla Fire, compilando il modulo di nomina con tutte le informazioni richieste. La Fire mette a disposizione delle linee guida per la nomina dell’Energy manager.

Indipendentemente dall’obbligo dell’energy manager previsto dalla normativa, anche le aziende con consumi al di sotto delle soglie sopra esposte possono provvedere alla nomina volontaria.
Infatti, qualora l’impresa ravvisi la necessità di intervenire con azioni volte alla razionalizzazione negli usi dell’energia e all’efficientamento della struttura, può scegliere di affidare tale compito a un tecnico competente.

Negli ultimi anni l’energy manager è diventato una figura cruciale, tanto che sempre più imprese, anche non sottoposte all’obbligo di legge, effettuano la nomina.
A questo proposito, i numeri riportati nell’elenco gestito dalla Fire relativo al 2017 indicano che su 2.315 energy manager totali, 1.564 sono persone nominate da soggetti obbligati e 751 da soggetti non obbligati.

I compiti di un energy manager

Come suggerisce il nome, l’energy manager si occupa di tutto ciò che riguarda la gestione dell’energia in un’azienda, pubblica o privata, con l’obiettivo di contenere i consumi, abbassare i costi energetici e aumentare la sostenibilità ambientale abbattendo le emissioni inquinanti.

Queste sono le sue attività principali:
  • Misurazione dei consumi e audit/diagnosi energetica
  • Promozione di attività e investimenti per migliorare l’efficienza energetica (e quindi riduzione dei costi)
  • Favorire l’utilizzo di fonti rinnovabili
  • Resoconto con verifica e comunicazione dei risultati ottenuti a tutti i referenti aziendali coinvolti.

L’energy manager in alcuni casi si occupa anche degli acquisti dell’energia elettrica e degli altri vettori energetici (come gas metano, Gpl, eccetera), preoccupandosi di trattare con i fornitori condizioni economicamente vantaggiose.

Per legge gli energy manager nominati non devono rispettare particolari requisiti o avere specifiche competenze tecniche. Si tratta, infatti, di una figura non necessariamente coincidente con un EGE (Esperto in gestione dell’energia), ossia un professionista dotato della certificazione UNI CEI 11339 (parleremo dell’EGE in un prossimo articolo).
È bene ricordare che per determinate attività, come la Diagnosi Energetica ai sensi del DL 102/2014, è necessario rivolgersi ad un EGE certificato oppure a una ESCO, sempre certificata.

Scopri perché è importante effettuare la diagnosi energetica e chi è obbligato a presentarla. Nella Guida qui sotto trovi un intero capitolo dedicato alla diagnosi energetica: scarica subito il PDF gratuitamente e consultalo da qualsiasi dispositivo. CTA Guida Efficientamento

E' stato interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nuovi articoli